HALLOWEENIGHT 

Il nome Halloween indiscutibilmente termine di origine cristiana; parola composta da hallow, ‘santificare’, ed eve, abbreviazione di evening, ‘sera’. Halloween, insomma, deriva da All Hallow's Eve e vuol dire semplicemente ‘Sera della festa dei Santi’, ‘Vigilia della festa dei santi’.
 La chiesa cattolica fa memoria, infatti, l’1 novembre di tutti i santi e la sera del 31 ottobre appunto la vigilia della festa.
 Ma l’1 novembre era il giorno della festa celtica di Samhain ed alcune delle tradizioni dell’odierna Halloween vi rimandano.
 Cosa avvenuto? Perch questa coincidenza? Halloween una festa pagana o cristiana? Siamo dinanzi ad una espropriazione cristiana o ad un camuffamento sincretista di riti magici? Cosa bene fare in campo educativo? Incoraggiare o opporsi alla celebrazione di Halloween?

                                                               NON OLTREPASSARE LA PORTA 

SEVERAMENTE SCONSIGLIATO APRIRE LA PORTA

ai sofferenti di cuore

e a tutte le persone facilmente impressionabili...

 

Dietro una festa apparentemente innocua si possono nascondere alcuni rischi per i giovani

Halloween una tipica festa del mondo anglosassone, che si diffusa da non molti anni anche in Italia, mentre un tempo era totalmente sconosciuta.  Oggi, con internet, la ricorrenza di Halloween ha oltrepassato i confini e si diffusa in tanti altri Paesi e le vetrine delle pasticcerie e dei negozi di giocattoli sono state invase da oggetti, costumi e pupazzi legati a questa ricorrenza.

Il simbolo di Halloween una zucca intagliata, con occhi, naso e bocca, illuminata da una candela posta al suo interno. Nella tradizione americana la notte del 31 ottobre i bimbi si vestono da fantasmi, vampiri o piccoli mostri, bussano alle porte delle case con un sacchetto in mano, chiedendo dolci e caramelle. Se la moda si limitasse a questo non ci sarebbe nulla di preoccupante. Ma ci sono altri aspetti da considerare. Intorno al tipico Halloween carnevalesco si scatenato un fenomeno parallelo che va a toccare tanti giovani: quello dei “rave” e delle feste in discoteca con tematiche esoteriche. “Rave” significa “delirio” e cos si chiamano i grandi raduni musicali che si svolgono in posti isolati, lontani dai centri abitati. Possono durare giornate e notti intere, senza sosta, con un consumo di droga e di alcolici molto elevato. In certi “rave” e feste in discoteca, oltre a ballare, possibile incontrare maghi e cartomanti che sostengono di poter prevedere il futuro attraverso l’oroscopo o la lettura dei Tarocchi. E molti malintenzionati approfittano della ricorrenza per avvicinare i giovani alle pratiche magiche e superstiziose o addirittura a pratiche sataniche. La ricorrenza di Halloween, quindi, si trasformata in un’occasione per essere risucchiati in ambienti pericolosi.